Martedì, 12 Dicembre 2023 13:30

Santa Margherita USA sceglie Giovanni Rosso

L’Azienda leader nell’importazione dei marchi pregiati italiani sul mercato USA porta alla ribalta americana il produttore di Barolo Giovanni Rosso,

una delle aziende più dinamiche e più premiate della denominazione

Giovanni Rosso è orgogliosa di annunciare la nomina a importatore di Santa Margherita USA: un’azienda leader del mercato americano, che vanta nel suo portfolio numerose eccellenze del vino italiano. L’accordo è reso effettivo a partire da Gennaio 2024. I vini di Giovanni Rosso, già presenti sul mercato americano da tempo, saranno ora venduti esclusivamente attraverso Santa Margherita USA. Una linea dedicata al mercato stelle e strisce che comprende una selezione di Barolo e altri vini piemontesi, oltre ai pluripremiati vini dell’Etna firmati Rosso.

Fondato dalla famiglia Marzotto, Santa Margherita Gruppo Vinicolo è uno dei produttori vitivinicoli italiani di riferimento nonché ambasciatore dell'eccellenza italiana nel mondo; la controllata americana Santa Margherita USA, con sede a Miami, è un'azienda di importazione di vini pregiati che raggruppa nel proprio portfolio aziende vinicole premium e ultra-premium. L’importatore rappresenta in tutti gli Stati Uniti oltre dieci aziende di indiscussa fama tra cui: Santa Margherita, Ca' del Bosco, Masi, ROCO Winery, Kettmeir, Lamole di Lamole, Tenuta Sassoregale, Torresella, Feudo Zirtari, Fattoria Sardi, Cà Maiol e Cantina Mesa. Da gennaio, il primo Barolo ad entrare in famiglia sarà Giovanni Rosso.

"Giovanni Rosso è una gradita aggiunta al crescente portafoglio di Santa Margherita USA.” - commenta Vincent Chiaramonte, Presidente e CEO di Santa Margherita USA - “Rosso rappresenta la perfetta combinazione tra tradizione e innovazione; i vini sono eleganti, sofisticati, con una complessità che si integra molto bene con il nostro portafoglio".

 Davide Rosso, proprietario dell'azienda, afferma: "Siamo entusiasti di entrare a far parte di Santa Margherita USA, perché le sinergie tra le nostre organizzazioni sono davvero tante.”.

Letto 682 volte